Follow

Recensione: I Dissidenti di Sara Zelda Mazzini

giovedì, novembre 26, 2015

Buongiorno lettori e benvenuti nel mio angolino,
sono ritornata per parlarvi di un'autrice emergente che mi ha portato a riflettere molto su degli aspetti e che spero potrà incuriosire anche voi.


Free Image Hosting at FunkyIMG.comIn un presente parallelo il mondo che conosciamo è agitato da una guerra tanto invisibile quanto spietata. Madena, detta Mad, è una giovane donna che vive sospesa tra la ricerca di risposte a continue e pressanti domande e i bisogni di una famiglia ingombrante, composta dalla madre, la zia e il fratellino di sei anni. È un’era di anticonformismo a tutti i costi, in cui il nemico da combattere si identifica inevitabilmente con una comunità di individui ordinari che vive secondo valori tradizionali come il lavoro manuale, e rifiutando la celebrità. La ricerca di Mad la condurrà tra le rovine di un vecchio manicomio, da cui i Dissidenti si oppongono allo spirito del tempo con le loro stesse vite. Ma il destino ha già installato in questo luogo anche un oscuro personaggio, e l’inevitabile approfondirsi del rapporto con Mad farà emergere incubi ancestrali dal fondo della loro coscienza, portando alla luce un antico mistero.

Quando l'autrice mi ha presentato il suo romanzo sono stata attirata subito dalla cover misteriosa e ho avuto proprio la sensazione che si trattasse di un libro particolare, impressioni che si sono poi confermate durante la lettura.
Partiamo dal presupposto che la storia parla di Madena una ragazza che sta cercando il proprio posto nel mondo ed è in una fase di cambiamento interiore che la porterà ad andare alla ricerca di un gruppo chiamato Dissidenti che vivono nell'ex manicomio di Volterra ed hanno girato le spalle al mondo esterno ricercando un ritorno alla semplicità e alle abitudini di una volta quali la coltivazione della terra, l'uso minimo della tecnologia, l'aiutarsi a vicenda e la passione sfrenata per la musica.
La protagonista inizierà a vivere con loro e farà la conoscenza di numerose persone ognuna con la propria storia e una parte oscura da combattere, l'ambiente è molto suggestivo e ogni zona dell'ospedale sembra ricordare tutta la sofferenza delle persone che hanno avuto la sfortuna di finire li dentro, ovviamente i Dissidenti hanno cercato di renderlo quanto più ospitale possibile ma ciò non toglie l'aria cupa e il mistero che avvolge l'edificio.
Il libro è qualcosa di molto particolare, durante la lettura cercavo di comprendere il filo conduttore della trama ma appena credevo di aver capito qualcosa ecco che mi sbagliavo, motivo per cui sono arrivata alla conclusione che non può essere catalogato perchè ciò che vi troviamo sono un infinità di spunti di riflessioni, storie diverse ma tutte importanti ed un passato che affiora piano piano e di cui sapremo tutto alla fine insomma un romanzo che svela le sue potenzialità lentamente.
Ho adorato l'idea di dividere i capitoli in base a delle tracce musicali, infatti un tema molto discusso è proprio la musica che sembra essere il filo che unisce i Dissidenti, alcune canzoni hanno il potere di smuovere delle cose dentro di noi sia in positivo che in negativo e questi effetti li sentiamo soltanto dopo aver ascoltato attentamente la canzone.
Madena cambierà durante questo suo percorso che non è per niente semplice anzi sembra essere tutto in salita complice anche degli strani sogni che si ripetono da quando è bambina ma a cui darà un significato soltanto in seguito, tutto ciò la porterà a mettere in discussione quello in cui ha sempre creduto.
Un altra cosa che ho apprezzato è l'atmosfera che l'autrice è riuscita a creare: dall'ospedale così tetro e cupo alle persone che hanno una personalità ben definita ma si capisce che c'è sempre una parte oscura che viene celata ma che si percepisce e come se tutto fosse avvolto dal mistero e la protagonista dovrà cercare di guardare oltre la coltre di nebbia.
Assegno a questo romanzo 3 gattini su 5



un libro diverso da tutti quelli che avete letto fino ad adesso.

Questo è tutto per oggi,
ci leggiamo al prossimo post.

You Might Also Like

0 commenti

Sei passata/o dal mio angolino, fammelo sapere lasciando un commento.

Ultimi commenti

2017 Reading Challenge

Eika has read 11 books toward her goal of 100 books.
hide