Follow

Recensione: Le notti bianche-la mite-sogno di un uomo ridicolo di Dostoevskij

giovedì, ottobre 29, 2015

Buongiorno lettori e benvenuti,
come state? io sono sempre alle prese con lo studio come sempre, oggi vi parlo di tre racconti che mi hanno letteralmente conquistato per motivi diversi.


Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.


Non ho mai letto niente di questo autore e ho deciso di iniziare da queste tre brevi opere per capire se entriamo in sintonia. La prima che ho letto è stata "le notti bianche", la storia parla di un protagonista di cui non sappiamo molto se non che è un sognatore e vede le cose dal suo mondo in modo molto diverso dal resto delle persone, sembra cogliere ogni sfaccettatura e dettagli a cui normalmente non facciamo caso, un giorno incontrerà una ragazza su un ponte e inizieranno a vedersi qualche volta e a raccontare le loro vite. Sembra infatti che la donna stia aspettando un uomo che le ha promesso amore ma che ancora non si è fatto vedere, il protagonista invece non ha mai provato niente del genere per una femmina e spera che anche lei possa trovare in lui ciò che cerca.
Il secondo racconto è "la mite", in questo caso parliamo di un matrimonio tra una donna e un uomo in cui il silenzio è la normalità mentre le parole e l'allegria non sono proprio bene accette finchè lei farà un gesto molto forte che farà rendere conto al marito di tantissime cose e capirà tutti gli errori e il tempo che ha perduto.
Il terzo è "il sogno di un uomo ridicolo" che parla di un uomo molto scontroso che sta pensando di uccidersi perchè ormai è indifferente ad ogni cosa, una sera convinto che sarà il momento giusto per spararsi incontra una bambina disperata che cerca aiuto ma lui la ignora e torna a casa, sarà proprio quell'incontro che lo fermerà dopo aver fatto un sogno ed aver capito il mistero della vita e di come sia arrivato a quella decisione.
Come si può notare sono tre storie molto diverse tra di loro e mi hanno colpito tutte per un motivo, quest'autore ha la capacità di passare da un argomento all'altro con una facilità incredibile, ogni racconto mi ha emozionato e travolto perchè ha uno stile diverso da quello moderno che pone attenzione su ciò che accade dentro di noi invece che all'esterno, è come fare un viaggio all'interno di se stessi e della natura umana. Mi sono piaciuti molto e li ho letti fino alla fine, riconosco che alcuni passaggi sono un pò pesanti e che bisogna leggerli nel momento giusto ma ciò che lasciano non potrete ignorarlo. Dopo giorni ho ancora pensato sia al sognatore e come ha descritto questa persona senza fornirci informazioni sul suo aspetto fisico o sull'età ma anche all'uomo che è stato salvato dalla bambina e che gli ha fatto vedere il mondo dalle sue origini ad adesso.
Per me si meritano 3 gattini "le notti bianche", quattro gattini per "la mite" e cinque gattini  "il sogno di un uomo ridicolo" pertanto facendo la media assegno complessivamente 4 gattini su 5.



Un autore che è stato una scoperta e che è rientrato tra i miei preferiti, cercherò di leggere presto anche "Delitto e castigo".

Questo è tutto per oggi.

You Might Also Like

6 commenti

  1. Non mi ha mai ispirata particolarmente questo libro... ma forse gli darò una possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono gusti :)) a me è piaciuto magari prova con un altra sua opera.

      Elimina
  2. Non ho ancora provato a leggerlo, ma dalla tua recensione penso che potrebbe piacermi! Ci proverò ;)

    RispondiElimina

Sei passata/o dal mio angolino, fammelo sapere lasciando un commento.

Ultimi commenti

2017 Reading Challenge

Eika has read 11 books toward her goal of 100 books.
hide