Follow

Mini- Recensione: The giver di Lois Lowry + nuova grafica

venerdì, settembre 25, 2015

Buongiorno amiche e benvenute/i nella mia biblioteca,
come state passando questi giorni? qui sembra tornato il diluvio universale e ne approfitto per stare nel letto e riposare, sto programmando un pò di post e di letture così da affrontare il terzo anno di università al meglio. Come avete potuto notare ho cambiato grafica spero vi piaccia questo passaggio dai colori chiari a scuri e se volete farmi sapere cosa ne pensate ne sarei ultra felice, nel frattempo vi lascio una breve recensione.


Image and video hosting by TinyPicEra quasi dicembre e Jonas aveva paura. No, si corresse tra sé, non era quello il termine esatto. Paura indicava l’angosciosa sensazione che stesse per accadere qualcosa di terribile. Paura era un termine troppo forte. Aspettava da tanto quel particolare dicembre e adesso che era imminente non aveva paura, ma… non stava più nella pelle, ecco di cosa si trattava. Non vedeva l’ora che arrivasse. E fremeva, naturalmente. Quando pensava a ciò che poteva succedere, non riusciva a trattenere un brivido di apprensione. Tutti sapevano che la Cerimonia dei Dodici avrebbe segnato la loro vita.




Finalmente ho deciso di leggere questo libro, spinta dalla curiosità ma anche di averne sentito parlare a tutte benissimo.
Siamo in un mondo in cui ogni cosa e bianco e nero, non ci sono emozioni forti come rabbia, gioia, felicità, tutto è incasellato e viene svolto meccanicamente. I bambini sono divisi in base agli anni di età e si distingueranno per dei compiti specifici e agli adulti arrivati ad una certa età verranno assegnati due ragazzini: un maschio e una femmina. Tutto procede in maniera lineare senza grossi problemi, il nostro protagonista Jonas si sta avvicinando ad una cerimonia che gli sceglierà un mestiere in base alle proprie qualità.
Alla fine gli daranno il compito di raccoglitore di memorie cioè colui che può vedere e sentire tutto dai colori, agli odori, alle emozioni, inizia così un addestramento particolare che lo porterà a porsi delle domande sul suo mondo e la società.
Il mio parere su questo distopico è che l'ho percepito come un romanzo introduttivo e non un vero e proprio libro perchè non succede nulla di eclatante o sconvolgente, la fine sicuramente fa capire che le avventure ancora devono accadere, così come si scopriranno altri segreti. Il mondo in cui il giovane ragazzo vive è sicuramente una società moderna che ci vorrebbe vedere tutti uguali e con delle etichette definite, un posto in cui la diversità è qualcosa che non deve accadere o che deve essere limitata a poche persone che vivono ai margini.
Sicuramente nasconde dei messaggi che fanno riflettere ma rimane il fatto che, apparentemente non succede nulla.
Il voto che associo a questo libro è di 3 gattini su 5.

Continuerò la serie sperando che il meglio debba ancora avvenire.

The giver serie:

  • Il donatore
  • Il figlio
  • Il messagero
  • La rivincità



Questo è tutto per ora lettori,
fatemi sapere cosa ne pensate.


You Might Also Like

16 commenti

  1. Ciao Stefi :) Ho letto questo libro l'anno scorso e mi è abbastanza piaciuto, ma non mi ha conquistata in pieno. Come hai detto tu, è piuttosto statico e non accade molto. In effetti penso che più che un distopico sia un "anti-utopico", cioè non uno di quelli pieni di azione e colpi di scena, ma più incentrato sulla riflessione. In compenso il film che ne hanno tratto è davvero carino e ne vale la pena, secondo me :)
    Pensavo anche io di continuare la serie, ma poi ho scoperto che i libri successivi si concentrano su altri personaggi, e quindi mi è un po' passata la voglia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giada, infatti è quello che ho notato cioè che non c'è stata molto azione se non alla fine quindi sono rimasta un pò così, è vero che gli altri non riprendono proprio la storia (o comunque non di certo il secondo) quindi non so cosa aspettarmi ecco magari il film lo vedo :)))

      Elimina
  2. A me è piaciuto tanto questo primo libro, e insieme all'ultimo della serie, secondo me è il migliore ^_^ spero gli altri ti sembreranno migliori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anch'io perchè avevo riposto tanto in questa serie :))

      Elimina
  3. Che belle grafiche*_* ma come fate io non ci riesco anche se mi sforzoXD comunque the giver e un romanzo molto chiaccherato e di cui la maggioranza parla bene ma non mi ispira molta fiducia:-S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è opera mia ma della mia metà :)) io non sono capace, comunque non è male ma diciamo che neanche questo best seller ecco l'idea è bella sicuramente !!

      Elimina
  4. Ma la grafica nuova è troppo bellissima *___* merito sempre della tua dolce metà?
    The Giver l'ho recensito mi pare l'anno scorso e a dire la verità non mi è piaciuto granché.. sarà stata una lettura innovativa per quegli anni, ma adesso non è dica molto secondo me, l'ho trovato lento e noiosetto. Leggerò comunque i seguiti, con calma :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Seli merito suo <3, a me è piaciuta l'idea ma di base non c'è molto da dire ecco poteva essere unito ad un altro romanzo :)

      Elimina
  5. Mi piace molto la grafica :) <3

    RispondiElimina
  6. Carinissima la nuova grafica Stefy ;) Questa è uno di quei libri che vorrei leggere, aspetto solo il momento adatto ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :*, spero ti potrà piacere più di quanto a fatto con me :))

      Elimina
  7. Neanche a me ha fatto proprio impazzire, concordo con te...
    Sai cosa? Ho preferito il film: quello sì, che mi che mi è piaciuto tanto! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credevo di essere l'unica perchè noto che è piaciuto a tutti >.<, il film non l'ho ancora visto quindi non so dirti :))

      Elimina

Sei passata/o dal mio angolino, fammelo sapere lasciando un commento.

Ultimi commenti

2017 Reading Challenge

Eika has read 11 books toward her goal of 100 books.
hide