Follow

Recensione: Brisingr di Cristopher Paolini

venerdì, luglio 24, 2015

Buongiorno amici miei
e benvenuti in questo nuovo post, qui da me oggi è sceso il diluvio e nonostante non ami al pioggia sono contenta perchè fa veramente troppo caldo (amo l'estate ma questo è troppo) intanto ne ho approfittato per scrivere queste recensione senza spoiler
Cosi potete leggerla anche se non avete letto gli altri.


Image and video hosting by TinyPic

La terribile battaglia delle Pianure Ardenti nelle ultime pagine di "Eldest" ha mostrato non solo le reali forze dell'esercito dell'Impero ma anche la debolezza dei Ribelli. Purtroppo Eragon e Saphira non possono tornare subito nella terra degli elfi a completare il toro addestramento: prima di tutto bisogna strappare Katriua dalle mani di Galbatorix. Christopher Paolini ci conduce di nuovo nella terra dove i draghi esistono, dove la magia è l'unica speranza di umani, elfi e nani contro tiranni e creature demoniache, costruendo un altro episodio della saga che ha conquistato legioni di lettori in tutto il mondo ed è diventata un film di successo.





Siamo giunti al terzo episodio delle avventure di Eragon e Saphira, il secondo mi era piaciuto di meno pertanto ero curiosissima di sapere come sarebbe continuata la storia.
Siamo vicino l'Helgrid in compagnia del cavaliere dei draghi con la sua compagna e Roran suo cugino che cercano di salvare la sua amata, in seguito torneranno dai Warden per cercare di trovare quanti più alleati possibili per combattere il temibile Galbatorix.
Non mi dilungo molto sulla trama visto che non tutti hanno letto i primi due, cercherò di dare un mio personale parere a questo libro senza svelare niente di tutto ciò che accade.
Parto dicendo che è un romanzo complesso in cui accadono tanti avvenimenti, alcuni secondo me potevano essere ridotti senza dilungarsi troppo altri sono stati sviluppati bene, lo stile di Paolini nonostante sia descrittivo devo dire la verità non è pesante e le pagine alla fine scorrono bene.
E' un libro più incentrato sul personaggio di Eragon che non sulla coppia uomo-drago e andremo a capirlo ancora di più e ad affrontare insieme a lui tutte le sfide e le difficoltà del mondo creato dall'autore.
Molti hanno detto che è un testo di passaggio io credo che sia stato necessario per far capire fino in fondo al lettore cosa ruota intorno alla trama principale quindi tutte le alleanze che si creano, la cultura di ogni essere presente nella storia e come questi cercano di cooperare per un fine comune spinti anche dalla fiducia e dal coraggio trasmesso dagli stessi protagonisti, credo proprio che sia questo il punto di forza dell'autore il non tralasciare niente al caso, ogni cosa ha un motivo e una spiegazione.
Scopriremo delle verità non chiarite in Eldest e come il cavaliere sia in un certo senso più vulnerabile senza la sua fedele compagna ed è proprio su questo che si andrà a lavorare, sul cercare dentro di se la forza per poter essere forte sia da solo e sia con Saphira.
Ovviamente tutto rimanda all'ultimo capitolo della serie in cui si affronterà il nemico ad armi pari.
Il voto che assegno a questo libro è di 4 gattini su 5, credo che Paolini meriti davvero un occasione a chi ama questo genere e il consiglio che darei è quello di non fermarsi ma di continuare e andare sempre avanti.

Questo è il mio pensiero, fatemi sapere cosa ne pensate
se vi è piaciuto o se lo leggerete.


You Might Also Like

6 commenti

  1. L'ho letto molto tempo fa e devo ammettere che non ho ricordi molto chiari, probabilmente servirebbe una rilettura!
    ps: ai tempi, rimasi molto delusa per la conclusione di Inheritance :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi libri sono così pieni di avvenimenti che ricordarsi tutto è impossibile infatti del secondo ricordavo quasi niente per fortuna all'inizio di questo terzo capitolo c'è un riassunto e più o meno ho ripreso il filo. Tutti dicono che Inheritance è una delusione quindi andrò un pò con i piedi di piombo :)

      Elimina
  2. Ciao Eika, ricordo di aver letto i primi due, interessante " Eragon" un po' meno " Eldest", poi l'attesa del terzo capitolo si è fatta lunga e ho rinunciato, dovrei ricominciare dall'inizio, a questo punto mi hai incuriosito chissà che ...
    Buon fine settimana, Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) anche a me Eldest non mi aveva fatto impazzire o comunque non è allo stesso livello di Eragon per questo quando ho iniziato Brisingr ero un pò dubbiosa, alla fine invece mi ha convinto secondo me puoi evitare la rilettura perchè all'inizio del libro c'è un riassunto degli altri volumi :)) (anch'io non ricordavo dov'era rimasta la storia)

      Elimina
  3. In realtà, non mi ha mai ispirato tantissimo... e dire che io sono fissatissima del fantasy, come ben sai, a 360 gradi! XD
    Forse è stata tutta colpa del film tratto dal primo libro: era noiosissimo, secondo me, e non mi ha affatto incentivato a iniziare la lettura! ;(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato :(( io di questo tipo di fantasy non ne ho letti molti (qualcosa di Ursula K.Le guin sulle leggende di Eartsea) quindi non so valutare, di certo odio quegli stili troppo descrittivi e lenti ma devo dire che Paolini mi ha annoiato soltanto in poche pagine dilungandosi troppo in compenso credo che basta leggere qualche capitolo di Eragon (che secondo me è il più bello) per renderti conto se è il libro per te <3

      Elimina

Sei passata/o dal mio angolino, fammelo sapere lasciando un commento.

Ultimi commenti

2017 Reading Challenge

Eika has read 11 books toward her goal of 100 books.
hide