Follow

Recensione: Harry Potter e la pietra filosofale

giovedì, giugno 11, 2015

Buongiorno lettori e benvenuti nella mia biblioteca, tra i tanti impegni sono riuscita a programmare dei post, così anche se sono in sessione d'esame vi terrò compagnia anzi faccio un in bocca al lupo a tutti gli studenti e studentesse che come me hanno gli esami sia quelli di maturità che universitari...non vi preoccupate prima o poi ne usciremo in un modo o nell'altro. Vi avevo parlato sulla pagina fb che ero entrata un pò in blocco, ho iniziato tanti libri ma nessuno sembrava prendermi tra cui anche Harry potter e la pietra filosofale, lo avevo letto alle medie e ho pensato di riprenderlo e leggerlo..beh vi sembrerà strano ma ora l'ho trovato meno meraviglioso di allora forse perchè sono un pò cresciuta xD anzi invecchiata direi. Vi lascio quindi in mio personale parere. 


Image and video hosting by TinyPicIl romanzo si apre con la presentazione della famiglia Dursley: Vernon, Petunia e il piccolo Dudley; vivono a Little Winghing, nel Surrey, al n.4 di Privet Drive. Una famiglia normale, del resto. Un giorno, però, i Dursley iniziano a notare qualcosa di strano nell'aria: si vedono gufi volare di giorno, si vedono in giro persone vestite in modo strano, il signor Dursley vede addirittura un gatto che legge un cartello stradale. La mattina dopo si ritroveranno sulla soglia della loro porta un bambino di appena un anno: il nipote, Harry Potter, figlio della sorella di Petunia, morta insieme a suo marito. Passano molti anni, e Harry, mentre suo cugino à.Dudley Dursley|Dudley.# è diventato un ragazzo corpulento, violento e prepotente, è cresciuto nella maniera opposta, maltrattato dai suoi zii: è un ragazzo mingherlino, costretto a indossare i vestiti smessi del cugino, ha gli occhi di un verde brillante e i capelli neri perennemente spettinati. L'unica caratteristica del suo aspetto che gli piace è una sottile cicatrice sulla fronte a forma di saetta: i suoi zii gli hanno raccontato che i genitori sono morti in un incidente stradale, e che quella era l'unico segno della tragedia. Intorno ad Harry, però, sembrano accadere cose strane: ad esempio, ogni volta che gli zii tentano di tagliargli i capelli sempre in disordine, gli ricrescono in una sola notte; il giorno del compleanno di Dudley, visitando un rettilario, Harry non solo "parla" con un serpente, ma, arrabbiato perché il cugino lo ha appena scaraventato sul pavimento, fa sparire il vetro di protezione della vasca, liberando il serpente e guadagnandosi, come punizione, una settimana di fame nello sgabuzzino in cui è costretto a dormire. Un giorno, prendendo la posta, Harry trova una lettera indirizzata a lui, ma i Dursley gli impediscono di leggerla; nei giorni successivi arrivano altre lettere, tutte identiche, fin quando la casa viene riempita di lettere e abbandonata per spostarsi in una catapecchia su uno scoglio. Lì, il giorno dell'undicesimo compleanno di Harry, fa irruzione nella catapecchia un uomo enorme, Rubeus Hagrid, che gli consegna la lettera e rivela ad Harry la causa di tutte le stranezze che accadevano intorno a lui: Harry è un mago, proprio come i suoi genitori che 10 anni prima sono stati uccisi da un mago malvagio, Lord Voldemort. Harry frequenterà quindi la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, e per farlo dovrà prendere l'Espresso di Hogwarts alle 11.00 del 1° settembre dal Binario 9 ¾ della stazione di King's Cross a Londra; alla stazione conosce Ron Weasley ed Hermione Granger, con i quali sul treno inizierà a stringere una sincera amicizia; incontrerà anche il ragazzo che diverrà il suo acerrimo nemico, Draco Malfoy. 

La storia la conosciamo tutti, Harry Potter è un ragazzo speciale perchè è sopravvissuto all'attacco del malvagio Voldemort che ha ucciso i suoi genitori, da allora fino all'eta di 12 anni ha vissuto con i suoi zii che lo hanno trattato in maniera pessima finchè non arriverà a casa una lettera da Hogwarts una scuola di magia, da allora la vita del giovane cambierà e verrà a conoscenza della verita: lui è un mago come i suoi genitori. 
Inizia questo percorso all'interno dell'istituto in cui popolano segreti, fantasmi, gufi che portano le lettere, persone nei quadri che si muovono e scompaiono, scale che funzionano a modo loro e un cappello parlante che assegnerà ad ogni studente una casa di appartenenza. Gli amici di questo viaggio saranno Ron il tipico ragazzo un pò maldestro ma che al momento giusto aiuterà Harry e Hermione la studentessa modello che dimostrerà il suo valore e cosa si cela oltre il suo aspetto da saputella, insieme vivranno numerose avventure che li unirà ancora di più. Di contro sembra che il protagonista abbia dei nemici come Malfoy che trova sempre l'occasione per provocarlo e il professor Piton che serba rancore per qualcosa riguardante i suoi genitori. Un giorno uno strano mostro attaccherà la scuola e i tre ragazzi cercheranno di tenergli testa ma soprattutto scopriranno che un mostro a 3 testa è di guardia alla pietra filosofale e che qualcuno vuole rubarla ma chi?. Non mi dilungo con la trama perchè credo che molti sanno cosa accade e chi ci sia dietro quindi vi lascerò il mio personale parere. 
Trovo questo libro molto complesso e pieno di intrecci sia nella storia che nella vita di tutti i ragazzi e professori che frequentano la scuola, riconosco il merito all'autrice e alla genialità che ha avuto nello scrivere un libro del genere che mischiasse uno stile semplice ma allo stesso tempo ricco di avvenimenti. Il personaggio che più mi è rimasto nel cuore è Albius Silente con la sua saggezza e il suo grande cuore mi ha letteralmente conquistato così come Hagrid che mi è simpaticissimo con il suo essere spontaneo e divertente mentre quello che meno mi è piaciuto è Hermione (non prendetevela) l'ho trovata un pò troppo snob all'inizio. Letto adesso che sono cresciuta e a distanza di molti anni l'ho trovato carino ma non eccezionale, una lettura piacevole e bella per me che amo le storie di magia che mi ha lasciato tante emozioni.
Assegno al libro 3 stelle su 5 sicuramente andrò avanti e leggerò anche gli altri, il secondo e il terzo li ho letti alle medie gli altri no magari mi rivedrò anche i film.


Ebbene aspetto le vostre opinioni in merito, spero
di avervi convinto.

You Might Also Like

1 commenti

  1. Un grande in bocca al lupo per gli esami. Anch'io devo leggere i libri di Harry Potter, ho in casa tutti i libri.

    RispondiElimina

Sei passata/o dal mio angolino, fammelo sapere lasciando un commento.

Ultimi commenti

2017 Reading Challenge

Eika has read 11 books toward her goal of 100 books.
hide