Follow

Il mestiere del libraio

domenica, febbraio 16, 2014

Buona domenica amici miei, come state passando questo week-end?
io ho finalmente qualche settimana libera dallo studio che mi ha visto protagonista nei giorni scorsi.
Stamattina pensavo al mio futuro, al mio sogno di lavorare in banca e realizzarmi in questo campo, pensavo anche ai libri, che sarebbe bello poter trasformare la passione in lavoro ma come si fa? so che esiste un corso di laurea in 4 città italiane che permetterebbe di lavorare in una casa editrice, io stessa ero indecisa se seguire questa strada o meno, alla fine mi sono detta che la vita non segue mai una via dritta, fa capriole, curve, giravolte e non è detto che le cose vadano bene e per questo che ho pensato alla possibilità, in un futuro, di aprirmi una libreria. Sarebbe meraviglioso stare a contatto con i libri e con persone che entrano curiosi, con gli occhi lucidi alla ricerca del tesoro se così possiamo dire, che girano per gli scaffali con gli occhi sognanti e indecisi su cosa comprare per primo. 
Credo che un pò tutti aspiriamo a questo. 

Se penso al libraio mi viene in mente una persona calma e gentile,che ha letto numerosi libri, che è aggiornato sulle ultime uscite e sappia consigliare chiunque sia indeciso, un pò quello che facciamo noi con il nostri blog, siamo dei/delle piccoli/e librai/e che condividono con gli altri questo loro amore infinito.
Ma cosa bisogna fare per diventarlo davvero??
Nel web ho trovato un corso specifico dal prezzo di 3000 euro con tanto di selezione, e bando di ammissione disponibile a questo link qui   le iscrizioni terminano il 28 febbraio di quest'anno.
Ora, sinceramente, sono dell'idea che conoscere il mercato del libro possa interessare per decidere quali testi inserire nella propria libreria e non credo che questo sia collegato alla figura del libraio, perchè reputo che il suo compito sia quello di diffondere la cultura e non di guadagnarci  sopra, ogni libro comprato è un passo in più verso la scoperta di un mondo meraviglioso, mondo che piano sta scomparendo. Il corso si basa sull acquisizioni di componenti riguardante la gestione delle imprese, il modo in cui gestire la libreria, conoscere la trasmissione tramite e-reder, la conoscenza del territorio e degli eventi culturali, la progettazione della libreria, reputo tutto questo abbastanza ovvio per chi ha una passione come questa, credo che venga spontaneo informarsi sugli eventi culturali del proprio paese e crearne dei proprio, credo che la gestione della libreria sia una cosa personale che non dev'essere per forza come intendono loro, altrimenti che gusto ci sarebbe se tutte fossero uguali? che differenza ci sarebbe tra una e l'altra?, insomma non sono molto daccordo con un corso del genere, con la laurea per lavorare nelle case editrici si ma se uno ha la passione per i libri non ha bisogno di un corso perchè spontaneo gestirla e rendere piacevole il tempo al suo interno, in quanto precedentemente è stato ed è un lettore.

E voi cosa ne pensate a riguardo? ritenete indispensabile un corso? avete mai pensato di aprire un libreria?

You Might Also Like

5 commenti

  1. Ci ho pensato eccome! ^^ Con un'amica una volta avevamo quasi messo a punto un'idea: avere una libreria con un angolo cioccolateria/sala da tè, più un reparto dove lei potesse intrattenere i bambini (ovviamente con i libri), io volevo persino aggiungere dei gatti come nel caso di alcune catene giapponesi dove nei bar ci sono i gatti. Insomma, un sogno ad occhi aperti e forse più che reale (molto improbabile), il paradiso in terra! :3
    Credo che il corso serva solo per avere un attestato di carta ed essere in "regola", ma potrebbe anche tornare utile, considerando che noi "poveri" lettori sappiamo ben poco delle strategie di vendite e di marketing delle case editrici...per cui, se al corso insegnano anche queste cose, potrebbero tornare molto utili. Certo, un libraio che ha la passione per la lettura sarebbe veramente bello, questo perchè io spesso vado nelle grandi librerie ed è difficile trovare gente davvero preparata/appassionata.
    Spero che deciderai per il meglio per il tuo futuro e che qualsiasi cosa deciderai di fare ti soddisfi e ti renda felici, d'altronde siamo tutti sulla stessa barca! ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Io mi sono sempre detta che se non riuscirò coi miei progetti universitari e di carriera veterinaria, andrò a fare la commessa in una libreria. Se poi la libreria è mia, meglio ancora ahah
    Secondo me è un lavoro bellissimo. Si sta immersi nei libri, rilassati. Ma, soprattutto, si può condividere con gli altri la passione della lettura e , perché no, indirizzare qualcuno verso questo mondo.
    Non so se sia proprio utile un corso. Secondo me è una cosa che ci si deve sentire dentro.

    RispondiElimina
  3. ciao, anch'io avevo pensato ad una cosa del genere con una zona ristoro ecc, credo che è quello che manca alle nostre librerie (quanto meno quelle del mio paese), credo che molte persone vogliano solo un pò invogliate a leggere, per tanto perchè non farlo?, con una libreria non avremo più problemi neanche di spazio XD sarebbero tutto li e sarebbe bello vedere arrivare il corriere con scatoloni pieni di libri **. Mi sono imbattuta più volte in librai che non capivano niente di libri o peggio che non sapevano distinguere un fantasy da un narrativo, una volta per potermi vedere un libro una commessa mi ha consigliato Goddes (il terzo della saga di Starcrossed dal modico prezzo di 18,50€) e dopo averle spiegato che non avevo il primo mi ha preso un libro a caso tra quelli del reparto ultime uscite (ed è capitato shadowhunters il codice) le ho spiegato ancora una volta che non avevo letto i precedenti ..insomma è molto snervante vedere queste cose !!
    In ogni caso è vero siamo tutte nella stessa situazione, spero si risolleva e chissà che un giorno ci ritroveremo tutte e due alle prese con una libreria :**
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. che bello questo template! **
    Comunque sarebbe bellissimo fare questo lavoro..
    il corso di laurea si chiama editoria per caso? io faccio comunicazione per impresa che è nello stesso ramo :3

    RispondiElimina
  5. anche a me piace :PP, comunque sono queste
    - Corso di laurea in Scienze dell'informazione: "editoria e giornalismo", presso l'Università di Messina

    - Corso di laurea in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo, presso l'Università La Sapienza di Roma

    - Corso di laurea in Specialistica in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo, presso l'Università degli Studi di Teramo

    - Corso di laurea specialistica in editoria, comunicazione multimediale, giornalismo, Genova

    RispondiElimina

Sei passata/o dal mio angolino, fammelo sapere lasciando un commento.

Ultimi commenti

2017 Reading Challenge

Eika has read 11 books toward her goal of 100 books.
hide